Terapia insulinica Arezzo

Queste pagine offrono interessanti e utili approfondimenti e informazioni locali che ti possono aiutare ad avere tutte le informazioni che ti servono per quanto riguarda la salute dei bambini. In questo caso stiamo parlando del diabete e della terapia insulinica che consiste essenzialmente nella somministrazione di insulina che manca proprio a causa del diabete. Leggi l'approfondimento di www.guidagenitori.it e consulta la lista di specialisti a Arezzo.

Imprese Locali

Per tutte le informazioni relative a questa pagina contatta:nSphere.
Studio Dr. Ciro Iannone Sessuologo
0575 27860 338 2145143 089 771010
p. Giotto 8
Arezzo

Informazione fornita da
Merelli Dr. Francesco
335 8376242 0575 370345 338 1799682
p. Monaco 3
Arezzo

Informazione fornita da
Sa.Pr.A.
(057) 535-7480
v. Molinara 33/i
Arezzo

Informazione fornita da
Vittorugo Agostini
Via G. Caccini 2/a
Firenze
Specializzazione
Otorinolaringoiatra

Informazione fornita da
Poggio Al Vento - Casa Per La Terza Eta' Soc. Coop. R.L.
0577 289582 0577 285268
str. Cappuccini 100
Siena

Informazione fornita da
Agora' San Carlo Borromeo
0575 23819
v. Don Sturzo 148
Arezzo

Informazione fornita da
Casa Di Riposo Villa Fiorita Srl
(057) 535-0080
v. Cappuccini 5
Arezzo

Informazione fornita da
San Giuseppe Hospital - Casa Di Cura San Giuseppe Hospital
0575 37341
v. Saffi 33
Arezzo

Informazione fornita da
Massei Prof. Pietro
(348) 224-1562
v. Ospedale (Ospedale Campo di Marte) 1
Lucca

Informazione fornita da
Villa Canova Srl
055 787850
v. Signorelli 2/a/b
Firenze

Informazione fornita da
Informazione fornita da

La terapia insulinica

Pubblicato Lunedì, 12 Febbraio 2001 12:00 Scritto da La redazione

Quali sono le nuove e più efficaci metodologie nell’utilizzo medico dell’ormone prodotto dal pancreas

In caso di diabete, la causa dell’aumento degli zuccheri nel sangue è dovuto alla riduzione prima, ed alla mancanza poi, di insulina, l’ormone che serve a ridurre la glicemia, e che normalmente si forma in alcune cellule dette beta, che si trovano nelle cosiddette isole Pancreatiche. Queste sono immerse nel pancreas, organo interno che si trova nell’addome. Negli ultimi anni, nuove metodologie di ricerca hanno messo in luce i meccanismi di azione dell’insulina e come questa agisce per svolgere il suo compito. Si sa infatti che l’insulina formata nel pancreas attraverso il sangue passa nel fegato, dove svolge la maggior parte delle sue funzioni e qui, in massima parte, viene distrutta. L’insulina viene prodotta in relazione alle variazioni della glicemia nel sangue dovute all’assorbimento dei carboidrati.

Quando si mangia, gli zuccheri che vengono liberati dai cibi stimolano la secrezione di insulina, la quale evita così che il tasso di glicemia del sangue superi un certo valore. L’insulina, nel bambino e nel giovane diabetico, si somministra solo per puntura, e, secondo i vari schemi di trattamento, il diabetico deve iniettarsi dalle due alle quattro dosi giornalmente, controllando la glicemia nel sangue attraverso l’uso di alcuni piccoli apparecchi, almeno tre o quattro volte nel corso della giornata. L’insulina attualmente in commercio è definita umana perché uguale a quella prodotta dal pancreas dell’uomo. In laboratorio viene estratta con due tecniche diverse: la prima si attua tramite il ricorso a tecniche di ingegneria genetica, facendo produrre ad un microrganismo la molecola di insulina attraverso specifiche modificazioni del DNA del batterio, la seconda attraverso una tecnica di biochimica, ovvero sostituendo un aminoacido dall’ insulina di maiale, rendendola così uguale a quella dell’uomo.

L’insulina, in base ai tempi di azione, cioè considerando la sua durata nel tempo, viene divisa in vari tipi. Le insuline più usate nel bambino sono due: l’insulina rapida, alla quale recentemente si è affiancata la cosiddetta super rapida, meglio definita analogo, e l’insulina intermedia.
Gli studi sulla fisiologia del corpo umano ci hanno insegnato che la produzione di insulina avviene in parte indipendentemente dai pasti ed è soggetta solo a piccole variazioni nel corso della giornata.
Gli attuali schemi di terapia cercano di riprodurre il più possibile la situazione che si stabilisce nell’organismo di un individuo sano.

La terapia, ottimizzata dopo studi svolti in tutto il mondo, è considerata attualmente la soluzione migliore per salvaguardare il nostro giovane paziente dalle cosiddette complicazioni che si possono verificare dopo anni di terapia insulinica...

Clicca qui per leggere il resto dell' articolo su Guida Genitori