Strabismo Andria

Queste pagine offrono interessanti e utili approfondimenti e informazioni locali che ti possono aiutare ad avere tutte le informazioni che ti servono per quanto riguarda la salute dei bambini. In questo caso stiamo parlando dello strabismo che e' un comune difetto degli occhi caratterizzatod al fatto che gli occhi non sono perfettamente in asse. Leggi l'approfondimento di www.guidagenitori.it e consulta la lista di specialisti a Andria.

Imprese Locali

Per tutte le informazioni relative a questa pagina contatta:nSphere.
Domenico Di Pilato
(088) 355-3855
Corso Cavour 9
Andria
Specializzazione
Oculista

Informazione fornita da
Pansini Dr. Giovanni
(088) 359-6790
v. Pasubio 20/a
Andria

Informazione fornita da
Marcello Gloria
(083) 230-4931
Via Paisiello 8
Lecce
Specializzazione
Oculista

Informazione fornita da
Francesco Campione
(080) 523-7460
Via De Rossi 215
Bari
Specializzazione
Oculista

Informazione fornita da
Severino Santoro
(080) 561-3183
Via Arcidiacono Giovanni 25
Bari
Specializzazione
Oculista

Informazione fornita da
Nicoletta Scamarcio
(088) 355-4936
Corso Cavour 9
Andria
Specializzazione
Oculista

Informazione fornita da
Luigi Cataldo
(099) 452-6910
Via Mignogna Nicola 4
Taranto
Specializzazione
Oculista

Informazione fornita da
Andrea Ferrara
Via Appia 15
Brindisi
Specializzazione
Oculista

Informazione fornita da
Gabriele De Pascalis
(083) 239-6087
Via Oberdan Guglielmo 63
Lecce
Specializzazione
Oculista

Informazione fornita da
Fabio De Vitis
(083) 230-9538
Piazza Mazzini Giuseppe 64
Lecce
Specializzazione
Oculista

Informazione fornita da
Informazione fornita da

Strabismo sotto controllo

Pubblicato Martedì, 27 Giugno 2000 12:00 Scritto da La redazione

Un tempestivo intervento può scongiurare un irreversibile difetto muscolare dell’occhio

Il termine generico "strabismo" fa riferimento ad un caratteristico disturbo oculare. Comunemente viene definita "strabica" quella persona che non presenta gli occhi perfettamente in asse tra loro. La regolazione dei movimenti oculari è un fenomeno assai complesso; ciascun occhio deve compiere un movimento sincrono e di uguale entità con l'occhio controlaterale. Quando gli occhi si muovono in modo simmetrico la visone è completa, altrimenti si determina la visione doppia detta diplopia La diplopia è determinata dalla visone simultanea di due immagini diverse tra loro; questo fenomeno crea la "confusione visiva" cioè, a livello cerebrale, le immagini dei due occhi vengono sovrapposte, ed essendo diverse tra loro, creano una visione non chiara e non distinta. La visione binoculare, quindi, si basa esclusivamente sull'integrità dei movimenti oculari. Tali movimenti sono determinati da sei muscoli per ciascun occhio; il movimento corretto di "tutti" questi muscoli permette al nostro occhio di dirigere lo sguardo in tutte le posizioni spaziali; la ipo o la iperfunzionalità di uno o più muscoli determina un mancato coordinamento con gli altri muscoli oculari creando uno strabismo. Gli strabismi possono avere diversa origine ed entità creando così quadri patologici molto complessi. Dover classificare gli strabismi è cosa molto complessa. Molto semplicemente possiamo distinguere gli strabismi presenti alla nascita con quelli che sopraggiungono durante i primi anni di vita. Quasi tutti i bambini alla nascita appaiono leggermente strabici con gli occhi convergenti; questo aspetto viene definito "epicanto" ma non dipende dagli occhi ma dalla particolare conformazione delle orbite che creano questo "falso" strabismo. La presenza di un occhio o di entrambi che non appaiono in asse alla nascita, determinano lo strabismo congenito dovuto cioè ad anomalie strutturali dei muscoli oculari e che può essere corretto solo chirurgicamente. Oltre alla forma congenita esistono forme acquisite di strabismo che compaiono nei primi anni di vita. Nell'infanzia alcuni bambini tendono a "buttare" l'occhio verso l'interno o verso l'esterno, creando quelle forme di strabismo definite intermittenti. La scienza che studia la motilità degli occhi è l'ortottica; la figura dell'ortottista deve sempre affiancare quella dell'oculista nella visita e nella prescrizione di occhiali nei bambini. Appositi test, eseguiti dall'ortottista, servono ad evidenziare forme di strabismo latente (cioè intermittenti) che l'occhio del genitore non può rivelare e valutano la capacità di collaborare nella visione di ciascun occhio evidenziando deficit di un occhio rispetto al controlaterale; L'ortottica serve inoltre a rilevare alcune forme di strabismo latente "indotte da occhiali" troppo forti rispetto alla capacità che ha il bambino di...

Clicca qui per leggere il resto dell' articolo su Guida Genitori