Karate per bambini Firenze

Queste pagine offrono interessanti e utili approfondimenti e informazioni locali che ti possono aiutare ad avere tutte le informazioni che ti servono per quanto riguarda le attivita' che possono fare bene ai bambini. In questo caso stiamo parlando del Karate che consente uno sviluppo armonico del corpo del bambino. Leggi l'approfondimento di www.guidagenitori.it e consulta la lista di palestre a Firenze che organizzano corsi di Karate per bambini..

Imprese Locali

Per tutte le informazioni relative a questa pagina contatta:nSphere.
Figurella
(055) 552-2795
vl. dei Mille 90
Firenze

Informazione fornita da
Palestra Izumo
055 609981
v. Moreni 14
Firenze

Informazione fornita da
Palestra Ricciardi Srl
(055) 247-8444
bg. Pinti 75
Firenze

Informazione fornita da
Tropos Club
055 679746 055 678381
v. Orcagna 20/A
Firenze

Informazione fornita da
Officina Movimento-Arte
055 571150
vl. dei Mille 90
Firenze

Informazione fornita da
Motus Atelier A.S.D.
(055) 228-6363
v. Pindemonte 63
Firenze

Informazione fornita da
Jp Studio
055 461245
v. Guelfa 116
Firenze

Informazione fornita da
Palestra Time Out
055 714069
v. Ponte Sospeso 6
Firenze

Informazione fornita da
Sivananda Yoga Firenze Francesca Folonari
328 9660501 055 2302250
v. Marsili 1
Firenze

Informazione fornita da
Istituto Yoga Moksha A.S.D.
(055) 628-7293
vl. Europa 115
Firenze

Informazione fornita da
Informazione fornita da

Sul “tappeto” si impara la disciplina

Pubblicato Martedì, 02 Marzo 2010 12:33 Scritto da La redazione

Sul “tappeto” si impara la disciplina

Associare le arti marziali alla violenza è una semplificazione errata. Sicurezza, riflessi e rispetto: questo è ciò che karate, judo, aikido possono insegnare ad un bambino.

Ogni disciplina sportiva ha delle caratteristiche che la rende peculiare rispetto alle altre. Le arti marziali (karate, judo, Aikido per nominare solo alcune tra le più famose) fanno parte di quelle discipline sportive che, operando attraverso il corpo, offrono effetti positivi anche sulla mente. Sono, infatti, indicate come discipline particolarmente formative sul piano psicologico: un’arte antica che rafforza, appunto, il corpo e la mente.

Disciplina e autocontrollo
Tra i vantaggi che derivano dalla loro pratica, un posto di rilievo assume il miglioramento delle capacità d’autocontrollo: aiutano, in altre parole, a valutare la situazione ed a reagire opportunamente. Nei test che mettono in rapporto arti marziali e autocontrollo, la quasi totalità degli atleti agonisti interpellati, ha riscontrato un miglioramento della capacità d'autocontrollo in situazioni non solo riguardanti la pratica in palestra, ma anche nella vita quotidiana. In base alle risposte ottenute, si evince che la pratica delle arti marziali favorisce il miglioramento dell'autocontrollo e l'aumentata capacità è dovuta al tipo di disciplina comportamentale che si esige nelle arti marziali. Inoltre nelle arti marziali il contatto con l'altro (avversario) determina una richiesta di attenzione tale che costringe il discente ad inventare i mezzi per adattarsi mentalmente alla situazione che si crea in ogni incontro. Ciò provoca un comportamento riflesso anche nella vita di relazione al di fuori della semplice competizione in palestra, generando rapide modificazioni tendenti ad un adattamento della persona a nuove situazioni. Questo è in realtà un processo educativo. Le arti marziali non sono quindi solo uno sport, ma una scuola di vita, una filosofia che aiuta a crescere meglio. Sono sport formativi perché insegnano la disciplina, l’ascolto e il rispetto delle regole.

Le arti marziali e i bambini
Per questo motivo le arti marziali sono consigliate anche ai più piccoli. I bambini possono avvicinarsi a questo sport all’età di cinque-sei anni, quando sono abbastanza grandi per capire e seguire gli insegnamenti del maestro e nello stesso tempo abbastanza piccoli da non aver paura di imparare a cadere. La pratica delle prime posizioni delle varie arti marziali poi è un’ottima palestra di coordinazione motoria: con un bravo maestro i più piccoli acquisiscono subito i principi di lateralità corporea (avanti, dietro, destra, sinistra). Le diverse posizioni del karate (del gatto, del cavaliere…) stimolano nel bambino la percezione del baricentro così da imparare a spostare il peso da una parte all’altra del corpo, a prendere coscienza della propria forza di movimento, a imparare a saltare, cadere, abbassarsi e a lanciare il colpo con m...

Clicca qui per leggere il resto dell' articolo su Guida Genitori