Endometriosi Fermo

Queste pagine offrono interessanti e utili approfondimenti e informazioni locali che ti possono aiutare ad avere tutte le informazioni che ti servono per quanto riguarda la salute delle donne. In questo caso stiamo parlando di endometriosi che e' una malattia dell’apparato genitale femminile che consiste in una crescita del tessuto che riveste l'utero, chiamato endometrio, al di fuori dell'utero stesso. La fertilita' e' a rischio in caso di endometriosi. Leggi l'approfondimento di www.guidagenitori.it e consulta la lista di ginecologi a Fermo.

Imprese Locali

Per tutte le informazioni relative a questa pagina contatta:nSphere.
Lucio Scartozzi
(073) 422-8905
Via Spontini Gaspare 2
Fermo
Specializzazione
Ginecologo

Informazione fornita da
Anna Morici
(073) 323-2235
Via Ciccarelli Fratelli 8
Macerata
Specializzazione
Ginecologo

Informazione fornita da
Associati Fisiomed Srl - Centro Diagnostico E Fisiokinesiterapico
(073) 320-2880
v. Natali 1
Macerata

Informazione fornita da
Studio Medico Dr. Giumetti Emiliano - Agopuntura Omeopatia Dietologia
(347) 379-0936
vl. Piave 58
Macerata

Informazione fornita da
Renzo Remoli
Viale Trento 52
Fermo
Specializzazione
Ginecologo

Informazione fornita da
Renzo Remoli
Viale Trento 52
Fermo
Specializzazione
Ginecologo

Informazione fornita da
Luciana Polverini
073332247
Via Roma 408
Macerata
Specializzazione
Ginecologo

Informazione fornita da
Saitta Dott. Luigi
(328) 379-9173
v. Roma 408
Macerata

Informazione fornita da
Fisiosport Srl
(073) 323-1768
v. Domenico Rossi 26
Macerata

Informazione fornita da
Marina Fiori
073647601
Via Spalvieri Gaetano 6
Ascoli Piceno
Specializzazione
Ginecologo

Informazione fornita da
Informazione fornita da

Endometriosi sempre più diffusa

Pubblicato Venerdì, 11 Marzo 2011 03:56 Scritto da La redazione

Endometriosi sempre più diffusa

Tra i sintomi: intensi dolori mestruali, variabilità del ciclo ed infertilità. In caso di gravidanza, la sintomatologia migliora. Diagnosi, prevenzione e rimedi dell’endometriosi.

Riguarda un numero sempre maggiore di donne: 14 milioni in Europa, di cui tre milioni solo nel nostro paese. I suoi sintomi sono dolori mestruali intensissimi, crampi addominali, disordini intestinali e difficoltà durante i rapporti. Stiamo parlando dell’endometriosi, una malattia dell’apparato genitale femminile che consiste in una crescita abnorme di endometrio, il tessuto che riveste la cavità uterina, al di fuori dell’utero stesso: attorno alle ovaie e tube, nella vagina, perfino nell’intestino. L’endometrio può anche favorire la formazione di vere e proprio cisti, alcune grosse come arance, attorno a questi organi.

La fertilità è a rischio
Il tessuto è soggetto alle variazioni ormonali tipiche le ciclo mestruale femminile: sotto lo stimolo degli ormoni femminili aumenta di spessore e si vascolarizza, proprio come succede ogni mese all’interno dell’utero che si prepara ad un’eventuale gravidanza. Se questo non avviene, l’endometrio si sfalda e hanno luogo le mestruazioni. Le parti di endometrio che si trovano al di fuori dell’utero reagiscono nello stesso modo. I disturbi legati al flusso sono quindi molto intensi: i dolori sono debilitanti, perché coinvolgono non solo l’utero ma anche la vescica, le ovaie e l’intestino. La perdita di sangue è più abbondante e in generale la donna avverte un malessere molto più intenso. I dolori legati all’endometriosi costituiscono già da soli un problema serio, perché possono impedire alla donna di condurre una vita normale e serena. La presenza di tessuto endometriosico crea inoltre uno stato infiammatorio negli organi interni che rendono i rapporti sessuali molto dolorosi. Si possono verificare quindi ripercussioni sulla vita di coppia. Inoltre, l’infiammazione può causare aderenza all’interno delle tube, rendendo difficoltosa e, a volte, del tutto impossibile il concepimento.

Le cause non sono ancora certe
Alla base dell’endometriosi esisterebbe una predisposizione genetica: lo sostiene un gruppo di ginecologi inglesi, che hanno riscontrato lo stesso tipo di alterazioni genetiche tra le donne colpite dalla malattia. Secondo altri esperti, il problema sarebbe dovuto a difese immunitarie fin troppo efficienti: queste causerebbero una produzione eccessiva di fattori infiammatori, responsabili dell’endometriosi. Le ultime ricerche degli esperti stanno indagando il ruolo degli inquinanti ambientali. Alcune sostanze che si trovano nell’ambiente, se ingerite, inalate o assorbite attraverso la pelle si comporterebbero come gli estrogeni, provocando quindi una stimolazione ormonale. Le sostanze considerate responsabili sarebbero, per esempio, quelle contenute in detersivi industriali, insetticidi e prodotti di cura personali, nella plastica, nei deter...

Clicca qui per leggere il resto dell' articolo su Guida Genitori