Daltonismo Modena

Queste pagine offrono interessanti e utili approfondimenti e informazioni locali che ti possono aiutare ad avere tutte le informazioni che ti servono per quanto riguarda la salute dei bambini. In questo caso stiamo parlando del daltonismo e cioe' quando i bambini non riescono a distinguere i colori. Una visita dall'oculista chiarira' il dubbio tra semplice inesperienza e daltonismo vero e proprio. Leggi l'approfondimento di www.guidagenitori.it e consulta la lista di specialisti a Modena.

Imprese Locali

Per tutte le informazioni relative a questa pagina contatta:nSphere.
Aldo Rossi
Via Sgarzeria 10
Modena
Specializzazione
Chirurgo, Oncologo

Informazione fornita da
Fundaro' Dott. Salvatore Piero
059 372030 335 5862212
str. Saliceto Panaro 123
Modena

Informazione fornita da
Poliambulatorio Centro Medico Srl
059 366011
v. M.Te Sabotino 39
Modena

Informazione fornita da
Pezcoller Dott. Carlo
(345) 329-3530
v. Bonacini 43/1
Modena

Informazione fornita da
Casaverde Spa
059 361384
v. Pozzo 6
Modena

Informazione fornita da
Silingardi Dr. Gabriele
336 562998 059 390538
v. Battisti 11
Modena

Informazione fornita da
Villa Anna
059 318171
v. Canaletto 1004
Modena

Informazione fornita da
Tarabini Dr. Carlo
059 441973 330 547745
v. Tamburini 99
Modena

Informazione fornita da
Ambulatorio Odontoiatrico S.O. Sas Del Dir. San. Dr. Maurizio Giunchi
059 372385
v. Araldi 252
Modena

Informazione fornita da
Villa Parco Srl
059 243259
vl. Tassoni 47
Modena

Informazione fornita da
Informazione fornita da

Se il bambino non riconosce i colori

Pubblicato Mercoledì, 29 Aprile 2009 12:15 Scritto da La redazione

Se il bambino non riconosce i colori

Forse è solo piccolo e non ha ancora acquisito la capacità di collegare nomi e sfumature. Ma se hai il dubbio che sia daltonico ecco cosa bisogna fare per una diagnosi corretta.

“Prendi il mattoncino blu”: ed ecco che il piccolo arriva con un bel mattoncino rosso. “Ora usiamo il pennarello verde”: ed eccolo impugnare un bel pennarello giallo. Una, due, tre volte e alla fine il dubbio scatta automatico: non sarà mica daltonico? Prima però di farsi cogliere dall’ansia e bene tenere presente che solo dopo i tre anni i bambini distinguono e sanno riconoscere con sicurezza i colori. Non si tratta di un problema di vista, ma di esperienza. Già dal primo anno di vita, infatti, l’occhio è in grado di distingue tutte le tinte perché i fotorecettori posti nella retina sono già attivi. Il problema, per i bambini, è di imparare ad associare il colore al nome comunemente usato: capacità cognitiva che si acquisisce solo con l’esperienza. Ovviamente possiamo stimolare i nostri bambini in questo senso dedicando un po’ di tempo a qualche gioco che abbia come elemento centrale proprio il riconoscimento dei colori.

La diagnosi di daltonsimo
Arrivare ad una diagnosi di daltonismo, soprattutto dopo i tre anni, non è comunque difficile: basta, infatti, una semplice visita presso un oculista. I medici specialisti sono infatti in grado di eseguire un test utilizzando le tavole "pseudocromatiche". Si tratta di tavole stampate sulle quali sono presentate, secondo un ordine prestabilito, macchie di colore diverso che possono essere facilmente riconosciute da un soggetto con una visione normale ma non altrettanto da un soggetto con alterazione cromatica. Il paziente viene posto a circa 40 cm di distanza dalle tavole che verranno illuminate da una lampada a luce solare. Per i bambini sono state messe a punto delle tavole specifiche che presentano disegni facilmente riconoscibili: un pesce, una farfalla, un treno, una barca a vela. In alcuni casi, anche per ottenere una ulteriore conferma, i bambini possono essere sottoposti al “test dei fili colorati”: al piccolo vengono dati numerosi fili di lana che devono essere raggruppati per sfumature di colore fondamentali, tutti rossi da una parte e tutti i verdi dall’altra. L’eventuale confusione è l’ovvia conferma di un deficit della visione cromatica.

L’origine genetica
Il daltonismo è un problema più frequente di quanto si possa immaginare: si stima interessi l’8-10% della popolazione maschile e circa lo 0.5% di quella femminile. All’origine, c’è, nella stragrande maggioranza dei casi una anomalia genetica legata, appunto, al cromosoma maschile. Le anomalie di tipo acquisito sono molto meno frequenti e sono la conseguenza di lesioni specifiche della retina o dei fasci nervosi che portano le informazioni al sistema nervoso centrale. In alcuni casi possono essere anche la conseguenza dell’assunzione di alcune sostanze o di alcuni farmaci. In o...

Clicca qui per leggere il resto dell' articolo su Guida Genitori