Congiuntivite Viterbo

Queste pagine offrono interessanti e utili approfondimenti e informazioni locali che ti possono aiutare ad avere tutte le informazioni che ti servono per quanto riguarda la salute dei bambini. In questo caso stiamo parlando della congiuntivite che e' un'infiammazione della membrana trasparente che ricopre la parte interna delle palpebre, molto comune nei bambini. Leggi l'approfondimento di www.guidagenitori.it e consulta la lista di specialisti a Viterbo per maggiori informazioni su questa malattia.

Imprese Locali

Per tutte le informazioni relative a questa pagina contatta:nSphere.
Alfonso Carnevalini
(076) 130-8967
Via La Fontaine Pietro Cardinal 30
Viterbo
Specializzazione
Oculista

Informazione fornita da
Simonetta De Santis
(076) 132-5996
Via Fontanella Di S. Angelo 6
Viterbo
Specializzazione
Oculista

Informazione fornita da
Giorgio Romani
(076) 127-0683
Strada Bagni 29
Viterbo
Specializzazione
Oculista

Informazione fornita da
Rossano Tarantello
(076) 135-3888
Via Garbini Igino 51
Viterbo
Specializzazione
Oculista

Informazione fornita da
Centro Centro Polispecialistico Giovanni Paolo I Srl
(076) 130-4260
v. Garbini 25
Viterbo

Informazione fornita da
Salvatore Francesco Scandale
(076) 130-4137
Via Genova 48
Viterbo
Specializzazione
Oculista

Informazione fornita da
Claudio Manetti
(076) 135-4425
Via Garbini Igino
Viterbo
Specializzazione
Oculista

Informazione fornita da
Enrico Pasquinangeli
(076) 132-4114
Via S. Egidio 2
Viterbo
Specializzazione
Oculista

Informazione fornita da
Villa Noemi Srl
0761 354420 0761 253743
str. Tuscanese 51/h
Viterbo

Informazione fornita da
Studio Dentistico Marco Dr. Mattioni
(076) 125-1022
v. Cardarelli 6
Viterbo

Informazione fornita da
Informazione fornita da

La congiuntivite è in fiore

Pubblicato Mercoledì, 30 Marzo 2011 12:41 Scritto da La redazione

La congiuntivite è in fiore

Occhi arrossati, bruciore intenso e lacrime senza sosta sono i sintomi della congiuntivite allergica. I pollini trasportati dalle giornate ventose ne sono i primi responsabili.

Le congiuntiviti si dividono in due tipi: quelle contagiose, i cui agenti patogeni sono rappresentati dai virus e dai batteri e le congiuntiviti non contagiose. Queste ultime sono causate da agenti tossici, tipo vapori di sostanze dannose e dagli antigeni, sotto forma di pollini e polveri. La forma di congiuntivite di cui parleremo in questa sede è di tipo allergico. Il responsabile del disagio è quindi un allergene e la reazione a quel determinato elemento è strettamente personale. La congiuntivite allergica non è contagiosa.

I sintomi della congiuntivite allergica
Sin dal suo esordio, la sintomatologia “degli occhi rossi” colpisce entrambi gli occhi, contrariamente a quanto accade nelle forme, virali dove viene infettato prima un occhio e dopo un paio di giorni l’infezione passa all’altro. I sintomi della congiuntivite allergica sono simili a quelli di una infiammazione e sono rappresentati da: Occhi arrossati; Palpebre gonfie; Lacrimazione abbondante; Prurito intenso; Bruciore; Abbondante produzione di muco chiaro; Vista appannata. Se la congiuntivite con le caratteristiche dell’allergia ricorre spesso e, soprattutto, al di fuori della presenza di sostanze allergizzanti, potrebbe essere il segno secondario di altre forme patologiche. E’ quindi buona norma parlarne con il pediatra. L’affezione agli occhi potrebbe infatti essere uno dei vari sintomi secondari ella malattia reumatica, del Morbo di Crohn o della malattia di Kawasaki.

La terapia della congiuntivite allergica
Se è stato individuato l’allergene che causa la sintomatologia, è sufficiente evitare di sostare nell’ambiente saturo dei pollini o delle altre sostanze responsabili. Il prurito ed il bruciore possono essere alleviati da abbondanti lavaggi con acqua fredda o con compresse caldo-umide da applicare sugli occhi. I colliri antistaminici aiutano a tenere sotto controllo i fastidiosi sintomi. E’ fondamentale rispettare le seguenti precauzioni: Impiegare colliri decongestionanti, che agiscono a livello dei capillari della congiuntiva, lenendo l’irritazione; Assumere antistaminici, una classe di farmaci che aiutano a ridurre il rossore, il gonfiore ed il prurito; Passare ai cortisonici se gli antistaminici non danno l’effetto desiderato...

Clicca qui per leggere il resto dell' articolo su Guida Genitori