Cataratta congenita Grosseto

Queste pagine offrono interessanti e utili approfondimenti e informazioni locali che ti possono aiutare ad avere tutte le informazioni che ti servono per quanto riguarda la salute dei bambini. In questo caso stiamo parlando della cataratta congenita che e' una forma di opacita' nella vista di solito fin dalla nascita.E' una patologia piuttosto comune. .Leggi l'approfondimento di www.guidagenitori.it e consulta la lista di specialisti a Grosseto.

Imprese Locali

Per tutte le informazioni relative a questa pagina contatta:nSphere.
Vittorugo Agostini
Via G. Caccini 2/a
Firenze
Specializzazione
Otorinolaringoiatra

Informazione fornita da
Futura Diagnostica Medica - P.M.A. Srl
055 282908 055 2398366
v. Cavour 72
Firenze

Informazione fornita da
Centro Oculistico Srl
055 243442 055 2344569
v. Fossombroni 2/a
Firenze

Informazione fornita da
Stefano Martelli
055 582944
v. Bersaglio 9
Firenze

Informazione fornita da
Centro Di Odontoiatria E Stomatologia Francesco Perrini
0573 29068
v. Signorelli 5/7
Pistoia

Informazione fornita da
Villa Del Colle
338 8648007 0586 579038
v. Lecceta 1
Livorno

Informazione fornita da
Dr. Donnini Luciano
055 50975 335 6455533
vl. Matteotti 52
Firenze

Informazione fornita da
Orlandi Dr. Sergio Studio Dentistico
335 437618 0583 515003
vl. Puccini 1602/e
Lucca

Informazione fornita da
Sanital Service Sas
0574 620045 338 6767900
v. Braga 11/o
Prato

Informazione fornita da
Centro Di Chirurgia Plastica Prof. Luccioli
335 227903 055 2396450
v. Cavour 33
Firenze

Informazione fornita da
Informazione fornita da

La cataratta congenita

Pubblicato Giovedì, 23 Novembre 2000 12:00 Scritto da La redazione

Nei neonati è possibile riscontrare lievi malformazioni al cristallino che impediscono la corretta visione

Con il termine generico di cataratta congenita si fa riferimento ad una opacità del cristallino che è già presente alla nascita.
Il cristallino è una lente naturale biconvessa situata all’interno dell’occhio che ha il compito di far convergere i raggi luminosi, provenienti dall’esterno, sulla retina per una corretta messa a fuoco. Come un normale obiettivo di una macchina fotografica, per ottenere una perfetta, nitida e ben contrastata fotografia, è necessario che l’obbiettivo sia perfettamente pulito. La presenza di piccole “macchie” su questo obiettivo determinerà delle imperfezioni sulla fotografia. Le alterazioni della foto dipenderanno soprattutto dall’estensione della macchia e dalla sua densità.
La cataratta, sia essa congenita o senile, determina un peggioramento della visione, in quanto a livello della retina arriva un’immagine sporca, sfocata e confusa.
Le cause che determinano l’insorgere di una cataratta congenita sono molteplici (fattori genetici, tossici infiammatori o traumatici).
La presenza di una cataratta monolaterale determina un non corretto sviluppo della funzione visiva. Affinché la visione si sviluppi correttamente, l’occhio deve imparare a vedere bene nei primi anni di vita; la presenza di un difetto visivo elevato o di una cataratta, determinerà un incompleto sviluppo della funzione visiva creando il quadro patologico detto, in termine specialistico, “ambliopia” più comunemente detto “occhio pigro”.

I fattori importanti da valutare sono soprattutto tre: La sede dell’opacità: opacità anche tenui ma centrali - dette assiali - determinano un grave deficit visivo. L’entità dell’opalescenza: opacità lievi sono molto poco penalizzanti rispetto ad opacità molto dense che oscurano notevolmente la visione. L’estensione della cataratta: micro opacità del cristallino sono molto frequenti ma non influiscono sul visus, mentre cataratte di una certa grandezza offuscano subito il visus.
Terapeuticamente l’occlusione eseguita sull’occhio “buono” ha lo scopo di stimolare la visione dell’occhio con cataratta, ma molto dipende dalle caratteristiche di questa.
Se la cataratta dovesse essere di media entità allora permetterà alla luce di entrare creando un deficit relativo della visione. Allo stato attuale non esistono farmaci capaci di eliminare la cataratta, l’unico mezzo per ovviare alla patologia è l’intervento chirurgico dove il cristallino catarattoso viene estratto.
L’occhio senza cristallino è detto “afachico” cioè mancante di questa lente naturale che permette la messa a fuoco.
Nelle persone anziane che si operano di cataratta senile si sostituisce questo cristallino con un altro di tip...

Clicca qui per leggere il resto dell' articolo su Guida Genitori