Amniocentesi Parma

Queste pagine offrono interessanti e utili approfondimenti e informazioni locali che ti possono aiutare ad avere tutte le informazioni che ti servono per quanto riguarda la salute delle future mamme. In questo caso stiamo parlando dell'amniocentesi che e' un'esame prenatale che viene svolto tra la 15 e la 17 settimana dal ginecologo. Leggi l'approfondimento di www.guidagenitori.it e consulta la lista di specialisti a Parma.

Imprese Locali

Per tutte le informazioni relative a questa pagina contatta:nSphere.
Massimo Petrelli
(052) 123-3135
Strada Farini 40
Parma
Specializzazione
Ginecologo

Informazione fornita da
Mirella Armanetti
(052) 128-4525
Borgo Romagnosi Gian Domenico 8
Parma
Specializzazione
Ginecologo

Informazione fornita da
Cinzia Cosenza
(052) 125-2793
Via Musini Luigi 18
Parma
Specializzazione
Ginecologo

Informazione fornita da
Vittorio Condemi
(052) 164-1907
Strada Bassa Nuova 119
Parma
Specializzazione
Ginecologo

Informazione fornita da
Maurella Vacca'
(052) 148-7938
Viale Partigiani D'italia 4
Parma
Specializzazione
Ginecologo

Informazione fornita da
Medardo Tagliavini
(052) 195-9131
Strada Viliano 16
Parma
Specializzazione
Ginecologo

Informazione fornita da
Roberto Trentadue
(052) 128-1400
Borgo Scoffone 2
Parma
Specializzazione
Ginecologo

Informazione fornita da
Anna Cirillo
(052) 123-7670
Strada Garibaldi Giuseppe 22
Parma
Specializzazione
Ginecologo

Informazione fornita da
Danilo Debiasi
(052) 123-2434
Borgo Scacchini 5
Parma
Specializzazione
Ginecologo

Informazione fornita da
Luigi Benassi
(052) 128-2190
Vicolo Assistenza 6
Parma
Specializzazione
Ginecologo

Informazione fornita da
Informazione fornita da

Novità per l’amniocentesi

Pubblicato Lunedì, 10 Gennaio 2011 12:54 Scritto da La redazione

Novità per l’amniocentesi

Il test sul liquido amniotico, per la diagnosi delle malattie genetiche, sarà proposto a tutte le donne che siano risultate a rischio dopo gli esami di screening per la gravidanza.

Novità in arrivo per l’amniocentesi e la villocentesi, due esami invasivi che permettono l’analisi rispettivamente di liquido amniotico e villi coriali. Questi test permettono di diagnosticare con certezza il sesso del nascituro e, soprattutto, di scoprire se il feto è portatore di malattie cromosomiche. Tra queste, la più conosciuta è la sindrome di Down, ma ce ne sono molte altre. Le possibilità che il feto abbia alcune malattie cromosomiche aumenta con l’avanzare dell’età materna. Per questo motivo, il sistema sanitario nazionale fino a oggi ha offerto gratuitamente questi esami alle donne di età superiore ai 35 anni, quando il rischio sale.

Esami non privi di rischi
Amniocentesi e villocentesi sono esami molto utili, ma comportano un margine di rischio. Infatti, prevedono entrambi che si penetri nell’ambiente uterino con un ago per prelevare una piccola quantità di liquido amniotico nel caso dell’amniocentesi e una porzione dei villi coriali (l’abbozzo di placenta che circonda il feto) per la villocentesi. Se non ci si rivolge a centri più che specializzati, questi test possono comportare un rischio di aborto che si aggira attorno all’1 per cento. Il problema per una donna che decide di sottoporsi all’esame sta proprio qui: scegliere un esame indubbiamente utile ma potenzialmente rischioso e nel trovarsi a correre un rischio in considerazione dell’utilità. Per questo motivo, un gruppo multidisciplinare di professionisti coordinati dall’Istituto Superiore di Sanità-Iss e dal Centro per la valutazione dell’efficacia dell’assistenza sanitaria-Ceveas ha messo a punto le nuove linee guida riguardanti la gravidanza fisiologica. Vengono fissati i nuovi criteri che indicano quando è veramente utile effettuare l’amniocentesi e la villocentesi. È vero che la donna di 35-40 anni può avere un rischio maggiore di un figlio con anomalie cromosomiche, ma moltissime gravidanze a questa età sono perfettamente sane e sicure. D’altra parte, anche mamme più giovani possono correre un rischio (per famigliarità o altre ragioni) eppure non scegliere l’esame, perché si sentono sicure proprio in considerazione dell’età.

Solo per chi ne ha davvero bisogno
Le linee guida prevedono quindi che, prima di effettuare la villocentesi o l’amniocentesi, si individuino le donne veramente a rischio con test di screening che non comporta alcun rischio perché non è invasivo. Si tratta del cosiddetto “ultrascreen” e consiste nell’esecuzione di un’ecografia e di un esame del sangue. L’ecografia, che si effettua attorno alla 10-12a settimana di gestazione, prende in considerazione lo spessore della plica nucale e la presenza dell’osso nasale del feto, aspetti anatomici che nei bimbi con malattie cromosomiche si presenta...

Clicca qui per leggere il resto dell' articolo su Guida Genitori