Adozione internazionale Catania

Queste pagine offrono interessanti e utili approfondimenti e informazioni locali che ti possono aiutare ad avere tutte le informazioni che ti servono per quanto riguarda tutte le procedure per una pratica di adozione internazionale. Raccogliamo maggiori informazioni possibile per evitare brutte sorprese. Leggi l'approfondimento di www.guidagenitori.it e consulta la lista di agenzie specializzate a Catania alle quali ti puoi rivolgere per maggiori informazioni...

Imprese Locali

Per tutte le informazioni relative a questa pagina contatta:nSphere.
Istituto Per Ciechi Ardizzone Gioeni
(095) 724-3111
via Etnea, 595
Catania
 
Villa Santa Maria Degli Angeli Societá Cooperativa Sociale Onlus
via Nuovalucello, 21
Catania
 
Arcobaleno 87 Soc Coop Sociale
(095) 746-2200
via Alcide de Gasperi, 187
Catania
 
Nonni Felici Societá Cooperativa Sociale
via Canfora, 16
Catania
 
Associazione San Giovanni Battista De La Salle
via Luigi Sturzo, 66
Catania
 
Opera Diocesana Assistenza O.D.A.
via Taranto, 20
Catania
 
Soc Coop Sociale Enghera
via Etnea, 390
Catania
 
Associazione Monteverdi
(095) 746-2488
via Claudio Monteverdi, 5
Catania
 
Multi Service 90 Soc. Coop. Sociale A R.L. Onlus
095 372436
viale Vittorio Veneto, 160
Catania
 
Cittá Nuova Soc Coop Sociale Onlus
via Vittorio Emanuele Orlando, 200
Catania
 

Adozioni internazionali

Pubblicato Giovedì, 20 Gennaio 2011 12:24 Scritto da La redazione

Adozioni internazionali

In aumento in Italia il numero dei genitori adottivi. Più di 4.000 coppie sono riuscite ad ottenere una adozione internazionale. Dati della Commissione per le Adozioni.

Nel corso dell'anno che si è appena concluso, il numero delle adozioni da parte di coppie italiane ha superato quota quattromila. Lo dicono le anticipazioni sul rapporto statistico annuale, capitolo sulle Adozioni internazionali, che sarà pubblicato a febbraio sul sito della relativa Commissione presieduta dal sottosegretario Giovanardi.

Più adozioni a nord e a sud
L’incremento è stato del 4,2% per un totale di 4.130 bambini che - provenienti soprattutto dalla Federazione Russa (a seguire Colombia, Ucraina, Brasile, Etiopia, Vietnam e Polonia) – hanno trovato nel nostro paese una famiglia. La regione con il maggior numero di adozioni è la Lombardia, ma si è riscontrato un significativo aumento anche nelle regioni meridionali, soprattutto in Campania. Aumentato anche, rispetto agli anni passati, il numero dei decreti di idoneità rilasciati dai Tribunali dei minorenni, seguiti dal conferimento dell'incarico ad un ente autorizzato. Secondo la Commissione, questo va a conferma della crescente consapevolezza e preparazione delle coppie che decidono di intraprendere l'iter adottivo. Si tratta comunque di un centinaio di adozioni in più rispetto all'anno scorso, ma molto ancora si potrebbe fare perché restano tante le candidature a genitori adottivi che aspettano risposta. E tante sono le famiglie che ci pensano ma restano impantanate nel tortuoso iter legale che, però, deve rispettare la normativa vigente. Circa dieci anni fa, da una iniziativa di genitori adottivi della provincia di Milano, che si erano conosciuti in incontri organizzati dalla ASL di zona durante l'anno di affido pre-adottivo – è nato il gruppo Le Radici e le Ali .

L’aiuto concreto di un’Associazione
L’obiettivo dell’Associazione è informare e contribuire a creare la cultura dell'adozione attraverso il dialogo, la lettura, la formazione e la condivisione di esperienze. Nel sito web del gruppo si trovano le risposte a molte delle domande che si pongono i genitori che stanno decidendo se candidarsi per un’adozione. Grazie alla Rete delle Famiglie Adottive che si snoda su territorio nazionale, attraverso il sito viene fornito un confronto prezioso sul percorso pre e post-adottivo. Si parte dalla domanda da porsi prima di quella di richiesta di adozione, vale a dire: “Siamo davvero convinti e preparati?” seguita da “quale adozione, nazionale o internazionale?”. La prima perché adottare un figlio deve essere una scelta matura, responsabile e completamente condivisa dai due componenti della coppia; la seconda perché uno dei primi dubbi che si presenta alle coppie che deciso di adottare un bambino è se presentare due domande oppure una sola. La strada consigliata da Le Radici e le Ali è di presentarle entrambe: e segue la riflessione condi...

Clicca qui per leggere il resto dell' articolo su Guida Genitori